martedì 1 gennaio 2013

Ultrabook: un flop di successo.

Cominciamo la nuova vita operativa di questo blog contraddicendo, nel nostro piccolo, i media nazionali.
Ho letto da più parti che il 2012 ha segnato il flop del concetto di ultrabook, perchè "insidiati" dall'alto costo e dai tablet, oramai "alternativi" per la maggior parte degli usi che si fa del computer.
Scusatemi, ma io tutta questa "alternativa" non è che l'abbia mai percepita, sarà che io con il portatile "ce campo" e quindi lo uso per altro che non sia navigare su internet o guardare la posta, ma nonostante le grandi promesse, neanche il tablet su cui sto scrivendo in questo momento, l'Asus Transformer Prime, è riuscito completamente nell'obiettivo della sostituzione completa (di questo e di altri tablet che mi sono passati per le mani, parleremo prossimamente).
Invece.... invece, c'è un acquisto fatto da un po' di tempo che, accoppiato al Samsung Galaxy Note (anche di questo parleremo prossimamente) ha ridimensionato (dovrei dire eliminato) il limitato utilizzo lavorativo che riuscivo a fare del tablet.
Sto parlando del Samsung  Ultrabook Serie 9, un gingillino con processore Intel i7 di nuova generazione, 8 Gb di Ram, 256 Gb di Hard Disk a stato solido, il tutto in meno di 2 kg 2 di peso (alimentatore incluso!!).
Visto il peso (la leggerezza direi) mi direte che comunque passare dai 10" del tablet ai 13" dell'ultrabook non è tutto questo guadagno, a fronte di una spesa che sarà stata sicuramente sostenuta. Vi darei ragione se non fosse che il gingillo in questione di pollici ne ha 15! e che alla fine 1,5k iva compresa per qualcosa che mi da il completo supporto per tutte le mie attività ludico/lavorative, che non mi accorgo di avere in spalla quando lo porto in giro e con la batteria che arriva a durare anche 8 ore, direi che "se po fà".
Oltretutto, quando è chiuso, è più sottile del Transformer  quando è con la tastiera!!!
Immagino si percepisca il mio entusiasmo per l'oggetto, alimentato anche dal fatto che lo stato solido mi consente di accenderlo e spegnerlo in una manciata di secondi e che ad aprire un documento word è veloce in modo quasi fastidioso.
L'utilizzo, nonostante windows, è così immediato e veloce che, a volte, mi ritrovo a toccare lo schermo invece di usare il mouse, come se avessi il tablet per le mani. mi sto anche abituando a caricarlo ogni sera, come fosse un cellulare, così non devo neanche attaccarlo all'alimentazione se non è strettamente necessario.
So cosa state pensando:" Se è così fantastico, perchè sta scrivendo sul blog con il tablet invece che con il PC?", ragazzi, in qualche modo la dovrò pur ammortizzare la spesa del tablet ;-)
Alla Prossima.

(Samsung Series 9)